Home » Archivo » Archvio 2013 » MATEMATICA DISCRETA E PROBABILITA' - 2013/2014

Laurea in Informatica

Salta il menu di secondo livello

MATEMATICA DISCRETA E PROBABILITA' - 8 CFU - A.A. 2013/2014

Sito per la parte di matematica discreta

Insegnante

Dott.ssa Carla De Francesco

Periodo

I Anno - 3 Trimestre | 07/04/2014 - 21/06/2014

Ore: 64 (16 esercitazione, 48 lezione)

Torna su ▲

Prerequisiti

Lo studente deve essere familiare con i contenuti del corso di Analisi Matematica. L'insegnamento non prevede propedeuticità.

Conoscenze e abilità da acquisire

Conoscere i principali concetti di teoria dei grafi. Essere in grado di risolvere elementari problemi di conteggio su strutture discrete. Conoscere le nozioni di base del Calcolo delle Probabilità, nel caso discreto. Possedere una conoscenza operativa delle leggi limite classiche: legge dei grandi numeri e del teorema limite centrale.

Modalità di esame

Prova scritta a libro chiuso a fine corso: 100%. La prova scritta consiste di domande teoriche (a risposta chiusa o aperta) e di esercizi.

Criteri di valutazione

L'esame contiene esercizi e domande di teoria volte a valutare il livello di apprendimento e di elaborazione personale dei concetti illustrati durante il corso.

contenuti

- Teoria dei grafi: introduzione ai grafi, isomorfismi tra grafi, grafi planari, cicli euleriani e circuiti hamiltoniani, alberi.

- Enumerazione: permutazioni e combinazioni semplici, permutazioni e combinazioni con ripetizione, distribuzioni, identità binomiali e triangolo di Pascal Tartaglia, relazioni di ricorrenza.

- Probabilità: spazi di probabilità discreti, probabilità condizionata, formule delle probabilità totale e di Bayes, variabili aleatorie discrete e continue, valore atteso e varianza, v.a. notevoli: Bernoulli, binomiale, geometrica, Poisson, uniforme, esponenziale, normale. Disuguaglianza di Markov e di Chebyshev, legge dei grandi numeri, teorema del limite centrale e approssimazione normale.

Attività di apprendimento previste e metodologie di insegnamento

Eventuali indicazioni sui materiali di studio

L'insegnamento prevede lezioni frontali, esercizi per casa e successiva discussione in aula degli stessi.

Testi di riferimento

Torna su ▲